Leonart


Amianto alla Biennale, denuncia condivisa dall’Inail
17 giugno 2011, 16:13
Filed under: biennale, installazione | Tag: , , , , , , , , , , ,

“Wir rufen nicht die polizei”, ha già scatenato la curiosità di addetti ai lavori e non. PG SLIS ha utilizzato infatti l’eternit, materiale da costruzione tristemente noto per le sue conseguenze sulla salute, per esprimere il suo pensiero sulle cattive intenzioni dell’uomo e la nostra vicinanza ad esse. L’Ansa ha dedicato un lancio all’opera, che in seguito ha catturato l’attenzione dell’Inail, l’Istituto nazionale per l’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro. Ciro Fusco ne ha parlato diffusamente con un articolo pubblicato online su Inail.it (http://bit.ly/m2Ew1U). Secondo l’autore “anche l’arte figurativa denuncia la presenza dell’amianto nella nostra società e ne fa materia di “provocazione per lanciare un monito sulla necessità di intervenire per debellarne gli effetti nefasti e, insieme, metafora di un mondo dove è essenziale ristabilire rapporti migliori fra gli esseri umani”.

E da oggi gli artisti di Leonart dealer sono anche su youtube. Navigando il più popolare sito di condivisione video è possibile entrare in contatto con gli artisti distribuiti e con le iniziative messe in campo da Fabio Anselmi e il suo staff.

Si può, ad esempio, conoscere da vicino “Kopflos!” e “Wir rufen nicht die polizei”, le opere di Ivan Lardschneider e PG SLIS attualmente esposte alla Biennale di Venezia. Le due installazioni sono protagoniste di altrettanti video, realizzati da Agenzia Obiettivo, nei quali vengono messe in risalto le caratteristiche proprie delle opere: l’estrema sintesi formale della scultura in legno di tiglio di Ivan Lardschneider, una critica alla società massificata, contrapposta all’atmosfera cupa e opprimente del “sarcofago” ideato da PG SLIS e al cui interno giace uno scheletro in eternit, monito e paradigma delle cattive intenzioni umane.

Il video di “Kopflos” è raggiungibile al seguente indirizzo web: http://www.youtube.com/watch?v=IwJq0fR0XAw , mentre l’opera di PG SLIS si può vedere a questo indirizzo: http://www.youtube.com/watch?v=euZr5-Nbra4.

Annunci

Lascia un commento so far
Lascia un commento



Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: